MB
giovedì, aprile 25, 2019
Big Data

Come risolvere le problematiche del Big Data Analysis per sfruttarne al meglio i benefici

Oggi la gestione e l’analisi dei Big Data rappresenta una delle maggiori sfide per le aziende di tutto il mondo. Il corretto utilizzo di queste informazioni potrebbe fornire l’accesso a rilevanti benefici in termini di risparmio ed efficienza, per questo è utile sapersi confrontare con le problematiche più ostiche di questo ambito.

La mole di dati che vengono raccolti dalla rete non attiva da una sola fonte, ma arriva da più canali poichè gli utenti interagiscono con la rete da dispositivi mobile, dal web, dai social, ecc; questo fattore, associato alla difficoltà di analisi dei dati raccolti, contribuisce a rendere la Big Data Analysis una disciplina complessa e articolata.

A giustificare queste difficoltà ci sono i numeri e le statistiche degli ultimi anni: secondo l’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence del Politecnico di Milano  in Italia il mercato degli Analytics nel 2016 è cresciuto del 15%, per un valore complessivo di 905 milioni di euro. I Big Data, seppur ancora marginali come valore (183 milioni di euro), sono la componente che mostrano la crescita più significativa (+44%).

Anche nel resto del mondo le aziende hanno cominciato a ricorrere all’analisi di dati per aumentare i guadagni e ridurre i costi, con un conseguente miglioramento nella produttività, nel controllo delle informazioni e nella gestione della clientela.

Ma quali sono i principali ostacoli con cui le aziende si devono confrontare? Innanzitutto si verifica una mancanza nelle competenze analitiche e tecniche specifiche per questo ambito; altra difficoltà risiede nei problemi di privacy e sicurezza per la gestione delle informazioni raccolte.

Per ottimizzare l’utilità di queste informazioni raccolte le aziende devono stendere una strategia dettagliata e a lungo termine, che vada a coprire tutti i vari livelli dell’azienda e che integri con creatività i settori di cui si occupa. Di grande importanza è anche investire nella formazione specifica del personale già presente nell’azienda, in modo che sia in grado di selezionarne di nuovo in futuro.

Fonte: colourfast.com